×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus

Arte e Storia in Puglia

L'ex Cattedrale di Ostuni (Br)
Un monumento nazionale di gran pregio

Redazione 23/02/2016 Aggiungi al tuo diario 

Un monumento nazionale

Quanta emozione ti riserverà il ritrovanti dinanzi all’ex Cattedrale di Ostuni, considerata da molti l’esempio più grande del gotico pugliese. Il tuo occhio sarà rapito dalle decorazioni scultoree ricercate e raffinate che la rendono un vero gioiello di architettura sacra: non a caso è un monumento nazionale dal 1902.Dedicato all’Assunta, la cui festa si celebra il 15 agosto,  questo importante luogo di culto fu innalzato tra il 1469 e il 1500. A determinarne la sua realizzazione fu il terremoto del 1456 che, insieme a quello del 1743, distrusse buona parte del patrimonio medievale pugliese.A curarne i lavori fu Giovanni Lombardo che si ispirò forme originali del goticoeuropeo del XIII secolo che qui, in Puglia, transitarono grazie alla Repubblica veneta.

Gli stili di una facciata

Quante bellezza nella sua affascinante facciata, innesto di tanti elementi di vari stile: romanici, gotici e bizantini. L'opera è considerata fra le più grandi in Europa ma anche fra le  più seducenti: in questo modello arte e simbolismo si sono incrociati forgiando una delle pagine artistiche più sorprendenti della teologia e cosmologia cristiana medievale. Nella lunetta del portale centrale è raffigurata la Vergine con il Bambino seduta in trono implorata dal vescovo Arpone, invocazione riportata nell’epigrafe laterale. Il prospetto della chiesa è tripartito da agili lesene che in alto terminano con due eleganti edicolette che fungono da acroteri, mentre in basso tre portali strombati e lunettati delimitano gli ingressi nelle tre navate. Le linee concave e convesse della cornice sono decorate da una lunga teoria di archetti pensili trilobati con alla base motivi zoomorfi e antropomorfi variegati e ancora i doccioni con teste leonine.

Gli interni

All’interno si presenta con una pianta a croce latina composta da tre navate. D’effetto tra gli interventi di epoca barocca e rococò sono le tele dei soffitti della navata centrale e del transetto, mentre nel XVIII secolo furono aggiunti altari riccamente abbelliti e caratteristici decori in stucchi. Nell’edificio sacro si conservano opere di notevole valore  come ltari lignei di pregiata fattura.In realtà oggi è anacronistico parlare di Cattedrale, sarebbe più esatto parlare di ex-cattedrale dato che già dal 1818 la diocesi di Ostuni era stata soppressa e unita a quella di Brindisi.

© Riproduzione riservata

 

 


La chiesa S. Nicola di Locorotondo
Locorotondo
Cisternino
Cisternino