Schede primarie

Focus

Cooking e gastronomia in Puglia
100% Puglia
Lusso in Puglia
Prodotti tipici pugliesi

Le sise delle monache
Ad Altamura un dolce infarcito di storia

Valeria Rosato 03/02/2015 Aggiungi al tuo diario 

SAPIENZA DI MONASTERI MURGIANI

Il nome desta molta curiosità, ma il "colpo di fulmine" è garantito quando questo dolce, tipico di Altamura, incontra il palato. Le tette delle monache (sise, zizze, minne, sospiri…), così chiamate perché ricordano il seno di una donna, sono fatte di un sofficissimo pan di spagna, che racchiude una delicatissima crema diplomatica, e sono spolverizzate con zucchero a velo. È un dolce tipico tramandato da alcune suore di un antico monastero altamurano sin dal XVIII secolo. Pare che per nascondere le forme, le clarisse inserissero tra i seni un fagotto di stoffa. E questa  squisitezza nella sagoma lo ricorda se immaginato al contrario.

FORME CHE FANNO LA DIFFERENZA

Mordendo una sisa si affonda nella morbidezza dell’impasto, che subito lascia spazio ad un’esplosione di sapore con la crema spumosa e golosissima. La città di Altamura si contende la ricetta originale con una cittadina abruzzese, Guardiagrele. Qui si trovano nell’Atlante dei prodotti tipici del “Parco nazionale della Maiella”. Ma sia chiaro: in comune hanno solo il nome, mentre, per quanto riguarda la forma, nella provincia di Chieti si realizzano creando tre montagnole di pan di spagna, nella cittadina pugliese il dolce è servito singolarmente. L’altra differenza sta nella farcitura, a Guardiagrele, prevede un taglio alla base del dolce, mentre ad Altamura la buonissima crema chantilly è inserita con una siringa. Sono in tanti a cercare di replicare questa delizia, ma le ricette restano assolutamente segrete. Questo piccolo e soffice pan di spagna riesce a conquistare anche chi non è goloso.

 

© Riproduzione riservata

 

 


Il duomo di Altamura
Altamura