×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus


La Matrice di Noci (Ba)
Uno scrigno di tesori d'arte sacra

Francesco Pepe 22/02/2016 Aggiungi al tuo diario 

Intorno ad albero di noci

E’ dedicata alla Madonna della Natività la bella chiesa Matrice che domina con il suo alto campanile l’intero centro storico e le sue singolari gnostre (spazi a vicolo cieco). Incerte sono le sue origini. Sicuramente ha costituito la prima entità storica di Noci e i suoi costruttori-devoti la denominarono Sancta Maria de Nucibus, oltre che per devozione alla Vergine, anche per il fatto che il tempio era circondato da alberi di noci. Proprio qui intorno si creò il primo nucleo abitativo che nei secoli seguenti venne identificato come Casale di Santa Maria delle Noci. Nel 1180 la chiesa era sotto la giurisdizione del vescovo della vicina Conversano; nel 1240, per ordine dell’imperatore Federico II, gli uomini di S.Marie de Nucibus sono obbligati a contribuire alle spese per la riparazione del castello di Ruvo. L’antica storiografia locale e la tradizione invece facevano risalire la costruzione della chiesa al 1316, ad opera del Principe di Taranto Filippo d’Angiò.

Tra storia e leggenda

Una leggenda racconta infatti che il principe, a caccia nei boschi di Noci, fu sorpreso da un violento temporale. Rifugiatosi sotto un albero di noci, fece voto che se fosse scampato al pericolo avrebbe costruito una chiesa in onore della Madonna. Nel corso dei secoli la stessa ha subito diversi rifacimenti ed ampliamenti ed è stata sede del Capitolo dei canonici, donde il titolo di “Collegiata”.

Grandi "tesori" del sacro

Da ammirare all’interno della Matrice (composta da tre navate), in particolare, il polittico lapideo policromo di fine sec. XV, di recente restaurato, molto probabilmente della scuola di Nuzzo Barba da Galatina, e la Madonna in trono col Bambino, opera attribuita allo  scultore Stefano da Putignano (sec. XVI). Interessante anche il cappellone del Sacramento con il dipinto dell’Ultima Cena di Francesco Carella (sec. XVIII). Recenti lavori hanno portato alla luce le originarie strutture del tempio.

 

© Riproduzione riservata

 

Il " rosso" di Gioia del Colle
Gioia del Colle
Il "Museo del territorio" di Alberobello
Alberobello
Il Carnevale di Putignano (Ba)
Putignano