×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus

luoghi di culto Puglia

La chiesa S. Nicola di Locorotondo
In valle d'Itria i segni di culto nicolaiano

Ecomuseo Valle d'Itria 13/06/2015 Aggiungi al tuo diario 

 LA CHIESETTA DI SAN NICOLA DI MYRA

Sono tante e diverse le attrattive che ti portano a Locorotondo. Si pensi al suo vino "Bianco Doc", alla sua ricca gastronomia tipica basata sulle carni e ai tanti beni architettonici ed artistici. Tra questi ti consigliamo di vedere, nel cuore del suo centro storico,  in una stradella nei pressi della matrice di san Giorgio Martire, la chiesetta dedicata a San Nicola di Myra. Costruita probabilmente da un componente della famiglia Aprile nella prima metà del XVII secolo, come desumibile da un’epigrafe collocata al suo interno, potrebbe essere il risultato dell'ampliamento di un’edicola votiva attestante, assieme ad un’altra chiesa fuori le mura, l’antica presenza del culto nicolaiano. 

TRADIZIONE NELL'ARTE SACRA

La sua struttura rappresenta un unicum: nella copertura vi sono, infatti, la cummersa per la lamia, con volte a botte, e il cono del trullo per la cupoletta, sulla zona presbiteriale. Appare singolare anche il corredo decorativo, che occupa la quasi totalità della superficie delle pareti: un raro esempio di ciclo murale, a secco, raffigurante, come emerso dai recenti restauri, scene ispirate alla vita e ai miracoli del santo ed angeli musicanti con strumenti musicali tipici della valle d’Itria, tra cui una specie di chitarra, denominata “calascione”, proprio come una contrada di Locorotondo.

 

INFO

Via G.Oliva

Locorotondo (Ba)

Ingresso con visita guidata  su prenotazione al numero; 320.7944731  (costo 3 euro)

 

© Riproduzione riservata


Il "bianco" doc
Locorotondo
I "tesori" di Egnazia
Fasano
Martina Franca
Martina Franca
La delicatezza del "capocollo"
Martina Franca