×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus

Prodotti tipici pugliesi

La carota di Zapponeta (Fg)
Eccellente produzione in arenili locali

Redazione 01/03/2016 Aggiungi al tuo diario 

La carota di Zapponeta

E’ un vanto del territorio di Zapponeta ed è storicamente legata a questo paesaggio foggiano prossimo al mare: parliamo di un ortaggio gustosissimo come la carota. La sua produzione avviene in autunno-primavera. Questa eccellenza rappresentava, fino al 1985, la maggiore produzione degli arenili. Poche le fonti storiche scritte  rinvenute sul suo processo di produzione  che è stato tramandato di generazione in generazione.Una testimonianza scritta ci giunge da Cavazza (1956) il quale descrive la coltivazione delle carote nelle zone e vicino a Margherita di Savoia e Barletta. Oggi la carota di Zapponeta è  riconosciuta dal D.Lgs. 173/1998 come prodotto agroalimentare tradizionale pugliese così come la cipolla e la patata prodotti nelle stesse zone. E’ inserito nel atlante dei prodotti agroalimentari di Puglia.

La coltivazione tipica

La carota viene seminata a fine agosto-settembre a spaglio a cui seguono l'impagliatura e la fresatura (con cui si interra il seme e la paglia) e l'annaffiamento. La maggior parte del prodotto si raccoglie nel periodo gennaio-metà marzo. Le carote vengono estirpate una per una, normalmente si eliminano le foglie. Viene prodotta con la cv. Nandes (30%), le cui radici sono solitamente di forma cilindrica e raggiungono i 20 cm, da una popolazione locale riprodotta dagli agricoltori derivante dalla “S. Lorenzo”, e dalla cv. Imperatore, conosciuta da oltre 50 anni, le cui carote possono raggiungere i 50 cm di lunghezza.

Le  sue ottime qualità

Questa tipicità di Zapponeta è caratterizzata da un colore arancio intenso, lucente, tenero, croccante, dolce, ricco di vitamina A e molto digeribile. Inoltre, presenta qualità utili nel contrastare malattie del fegato, nelle artropatie e soprattutto per il mantenimento di una pelle giovanile proprio per il suo elevato contenuto in pro-vitamina A, o beta-carotene. L’azione del beta-carotene si estrinseca inoltre nella prevenzione dell’invecchiamento, di alcuni tumori e dell’aterosclerosi. Da non sottovalutare poi la presenza di vitamine e di sali minerali.

 

© Riproduzione riservata

 
 

 


I borghi dei monti Dauni
Lucera
Le ostie ripiene di Monte Sant'Angelo
Monte Sant'Angelo