Schede primarie

Focus

Musei e Pinacoteche in Puglia
Archeologia Puglia
Spa e wellness in Puglia
Cultura e tradizioni in Puglia
Arte e Storia in Puglia

Il Museo Archeologico di Taranto
Per riscoprire la Magna Grecia al Marta

Maria Zaccaria 28/05/2014 Aggiungi al tuo diario 

UN MUSEO ARCHEOLOGICO

Se vuoi andare alla scoperta delle origini di questa terra, il Museo Nazionale Archeologico di Taranto (Marta) è una tappa obbligatoria. Istituito nel 1887 nella sede dell'ex Convento dei Frati Alcantarini, può essere annoverato tra i più importanti d'Italia, tanto che i suoi reperti vengono prestati spesso, per mostre temporanee, a musei di tutto il mondo. Al piano terra si trovano gli uffici e i laboratori, la "Sala degli Incontri" e gli spazi per le mostre temporanee, nonché quelli per l’accoglienza dei visitatori. L'esposizione permanente, invece, si dipana attraverso i due piani superiori e un nuovo piano ammezzato, snodandosi in un percorso in discesa, che parte dall’ultimo piano.

LA STORIA IN UN PERCORSO ESPOSITIVO

Il percorso espositivo lega strettamente il museo al territorio, illustrando la storia di Taranto e del suo circondario per fasi cronologiche. Potrai conoscere le prime testimonianze di vita del V millennio a.C. e proseguire con i primi contatti tra gli indigeni iapigi e il mondo egeo, passando attraverso le fasi della colonizzazione spartana sulle coste del golfo di Taranto. Gli spazi espositivi saranno, per te, una finestra sui modi di vivere, sui culti, sull'economia, sui rituali funebri della città greca, senza trascurare i rapporti intercorsi tra le aree di cultura ellenica e il mondo indigeno, così come quelli con la città romana, dal III secolo a.C. fino ai tempi dell'impero, per concludere con le fasi tardoantiche e altomedievali. Il primo piano dedica ampio spazio ai reperti provenienti dalla necropoli di IV e III secolo a.C., come i monumenti funerari e le ricche oreficerie, che da sole hanno sempre rappresentato un valido motivo per visitare il Marta. Potrai ammirare, inoltre, le sale dedicate alla fase romana della città nello splendore degli arredi scultorei, della statuaria e dei mosaici pavimentali degli edifici pubblici e privati di età imperiale.

TRA PASSATO REMOTO E FUTURO

Ti sarà possibile, grazie al recente riallestimento museale, visionare sia reperti mai esposti prima sia reperti notissimi sottoposti a nuovi restauri oppure presentati in maniera spettacolare ma pur sempre rigorosa. L'allestimento della collezione degli ori non solo enfatizza la suggestione del metallo prezioso ma contestualizza opportunamente oggetti così particolari per farti comprendere in quali ambiti cronologici, rituali ed economici fossero utilizzati. Mai prima d'ora l'uso delle moderne tecnologie multimediali ha avvicinato così tanto alle caratteristiche reali di un oggetto antico.

 

© Riproduzione riservata


Al Gatto Rosso
€ 25.00
Il mare buono in tavola
Taranto
La masseria Catucci
3

Per chi ama le atmosfere e i sapori più veri della Valle d'Itria...

Il Venerdi Santo di Taranto
Taranto