×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus

Castelli e torri in Puglia

Il castello di Rocchetta Sant'Antonio
Un simbolo di potere

Redazione 02/05/2015 Aggiungi al tuo diario 

SIMBOLO DI POTERE

Stando a quanto riporta l'iscrizione posta sotto lo stemma della casa d'Aquino, il maniero sarebbe stato costruito ex novo e con il proprio denaro da Ladislao II d’Aquino, marchese di Corato e duca di Bisceglie. Fu innalzato in  pochi anni poiché nel 1507 era già completato, come risulta sempre dalla summenzionata epigrafe in marmo collocata sulla porta d'ingresso.

IL “GIALLO” DELLA PIETRA

L'imponente architettura, fabbricata in pietre calcaree giallo-ocra tipiche del posto, presenta ben quattro livelli. Al piano terra si trovano i principali locali di servizio, dai quali si accede al piano superiore, dove ci sono gli ambienti residenziali. Al secondo piano visiterai gli stessi vani presenti al piano inferiore, mentre al terzo piano si trova un’unica stanza dalla quale parte la scala di accesso alla torre ogivale.

TRE TORRI

Per gli studiosi è stato facile identificare il suo progettista nell’'architetto toscano Francesco di Giorgio Martini, lo stesso che ha disegnato il castello pugliese di Carovigno. Bella la sua forma triangolare con tre torri a geometria ogivale poste in ciascun vertice. Strategica la scelta di costruirlo sullo sperone di roccia sporgente, che asseconda la conformazione del suolo. La realizzazione del  maniero è avvenuta in due fasi distinte ma vicine nel tempo, probabilmente a non più di vent’anni l’una dall’altra. Catturerà subito la tua attenzione quest'ultima, che risulta funzionalmente indipendente rispetto al resto della fortezza. Le torri a ogiva sono di tipo “casamattato”, profilo che permette la compresenza delle funzioni di difesa passiva, data dalla massa e dalla sezione della muratura che offre una resistenza maggiore rispetto alla sezione circolare, e attiva, per la presenza delle casematte.

 

© Riproduzione riservata