×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus

Castelli e torri in Puglia
Musei e Pinacoteche in Puglia

Il castello di Barletta
Uno dei più grandi della regione

Redazione 27/04/2015 Aggiungi al tuo diario 

EMBLEMA DI AUTORITÀ REGIA

Con le tante e ricche città costiere, la Puglia era più pronta di altre regioni ad ospitare l’innovazione politica federiciana. Tra queste, Barletta era tra la più considerevoli da questo punto di vista. Gli storici locali parlano di una "poderosa rocca eretta dai Normanni nella seconda metà del XII sec. a difesa della città, caposaldo militare della linea difensiva dell'Ofanto" allorquando "erano frequenti le incursioni dei pirati che depredavano le coste dell'Adriatico".  Il primo documento scritto si trova in un decreto del 1240, con cui Federico II includeva l'edificio tra i castelli del Giustizierato di Terra di Bari.

TRA FEDERICO II E CARLO V

Ciò che potrai oggi ammirare sono le linee di un’architettura possente, costruita su un impianto normanno-vevo, anche se è spagnolo-aragonese nella sua versione moderna, voluta da Carlo V di Spagna. Fu costruito intorno al 1050, in prossimità dal mare, e innestato nella più antica cinta muraria che proteggeva la città. Successivamente, quando Federico II si addentrò per la prima volta nel fortilizio, si trovò di fronte ad una struttura irregolare e anomala. Per questo motivo, Federico II concepì la costruzione della sua “domus” sull’ala est, accentuando gli aspetti architettonici e decorativi.

Sotto gli spagnoli, nel XVI secolo, Carlo V dispose che il vecchio castello di Barletta fosse ingrandito e reso più “regolare”. Al termine della ricostruzione, il castello si presentò come un grande quadrilatero, valorizzato da quattro baluardi pentagonali angolari a pareti sfuggenti, trovando il suo assetto definitivo.  Tante le  bocche da fuoco che difendevano il maniero, cinto da un largo e profondo fossato aperto direttamente sul mare da Nord. Alla fine del 1500 il castello venne terminato nelle principali strutture interne,  mentre un secolo dopo furono previsti interventi di ristrutturazione e consolidamento. 

FORTEZZA DI CULTURA

Questo importante bene culturale, oggi possiede una funzione culturale di rilievo: ospita la biblioteca comunale e il polo museale, una serie di splendide lapidi antiche e medievali, e il celeberrimo busto di Federico II, raffigurato come un antico imperatore romano e risalente al XIII secolo. Si può ammirare, inoltre, il Sarcofago degli Apostoli, un altorilievo in pietra, prima testimonianza del Cristianesimo a Barletta, risalente al periodo compreso tra il III secolo e il IV secolo.

 

INFO:

ORARI E TARIFFE

Orario di apertura ai visitatori:   tutti i giorni (escluso lunedì) orario continuato dalle 9.00 alle 19.00

Giorno di chiusura settimanale: lunedì

Chiuso il 25 dicembre, 1 gennaio, 15 agosto

Esposizione museale I° piano del Castello: Galleria antica,  Galleria dell’Ottocento e Galleria Cafiero.

 Percorso visita : Castello, Sotterranei, Spalti, Cappella di Federico II Museo Civico, Cantina della Sfida

TARIFFE

Biglietto intero: € 6,00

Biglietto ridotto: € 3,00 (minori di età compresa fra i 6 e i 18 anni, universitari di facoltà artistiche, gruppi di almeno 25 unità paganti, Tutte le categorie convenzionate)

Biglietto scuole: € 1,00  per gli studenti accompagnati dagli insegnanti

Visite guidate su prenotazione: 0883578621

Cantina della Sfida:  dal martedì al venerdì dalle ore 9.00  alle ore 13.00  e dalle ore 15.00 alle ore 19.00;sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 14.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00.

Chiesa dei Greci  : Orari museali su richiesta e su prenotazione

Telefono Bookshop Biglietteria: 0883578621