×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus

Castelli e torri in Puglia

Il Castello Aragonese di Taranto
Gioiello dell'architettura medievale

Maria Zaccaria 27/06/2015 Aggiungi al tuo diario 

UNA LUNGA STORIA SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI

Un'altra esperienza che ti consigliamo quando arriverai in Puglia, è la visita al Castello di Taranto. I recenti scavi archeologici condotti presso il Castel Sant'Angelo di Taranto, meglio noto come Castello Aragonese, hanno portato alla luce una lunga storia, leggibile, durante le visite guidate, in tutte le sue fasi: greca, bizantina, normanno-svevo-angioina. La fase più recente, quella aragonese, risale agli anni 1487-1492 ed è stata realizzata, molto probabilmente sotto la direzione del grande architetto senese Francesco di Giorgio Martini, seguendo i criteri allora imposti dal perfezionamento dell'artiglieria, che rese obsoleti i castelli medievali. Questi ultimi, infatti, caratterizzati da mura troppo sottili, non erano in grado né di resistere alle palle di cannone né di consentire l'uso di tale pesante artiglieria.

AFFACCIATO SUL MARE AZZURRO

Il castello, affacciato sul mare azzurro di Taranto e sul canale navigabile attraversato dal Ponte Girevole, è situato nei pressi di un'antica depressione naturale, sulla quale sorge il borgo antico della città. La sua forma ricorda vagamente quella di uno scorpione con cinque caratteristiche torri rotonde, a cui sono stati attribuiti i nomi di San Cristoforo, San Lorenzo, Sant'Angelo, Annunziata e Bandiera, collocate agli spigoli dell'edificio. Nonostante gli interventi di fortificazione operati dagli spagnoli, successi agli Aragonesi nel 1502, la fortezza gradualmente perse la sua funzione militare e finì con l'essere utilizzata come prigione e come caserma. La nuova destinazione ha comportato la frammentazione dei locali interni, la chiusura di passaggi e corridoi nonché la copertura, con intonaco e cemento a basso costo, di muri e pavimenti per migliorare le condizioni igieniche di spazi che avevano aumentato le esigenze residenziali.

RESTITUITO ALLA CITTÀ

Grazie agli interventi sistematici della Marina Militare, che custodisce il castello dal 1883, la fortezza aragonese ha riacquistato il suo aspetto originario ed è, finalmente, possibile individuare anche le strutture precedenti.Percorrendo le varie stanze, ti imbatterai nella Cappella di San Leonardo, riconsacrata nel 1993, dopo essere stata corpo di guardia e stalla. Qui potrai ammirare due lastre in carparo, che rappresentano un santo vescovo e un guerriero medievale armato. Inquietante sarà, infine, visitare la sala delle torture, caratterizzata da un foro centrale nella volta, che amplificava le urla dei malcapitati per intimorire gli altri prigionieri.Un tuffo nella storia a due passi dal mare.

INFO

Le visite al Castello sono totalmente gratuite.

Gli orari di apertura al pubblico sono i seguenti:

Tutti i giorni compresi festivi

Mattina

09.30 - 11.00 1° turno

11.30 - 13.00 2° turno

Pomeriggio

14.00 - 15.30 3° turno

16.00 - 17.30 4° turno

18.00 - 19.30 5° turno

Sera

20.00 - 21.30 6° turno

22.30 - 24.00 7° turno

24.00 - 01.30 8° turno

01.30 - 03.00 9° turno


Prenotazioni


Ufficio: Informazioni 0997753438 

Email: infocastelloaragonese@libero.it

Visite Didattiche/Gruppi

Per Gruppi scolastici/organizzati particolarmente numerosi è gradita la registrazione al numero telefonico 0997753438.

 

© Riproduzione riservata

 


Al Gatto Rosso
€ 25.00
Il mare buono in tavola
Taranto
Il Museo Archeologico di Taranto
Taranto
Il Venerdi Santo di Taranto
Taranto
La delicatezza del "capocollo"
Martina Franca
Nelle "Pianelle"
€ 0,00
Un'oasi di verde per leggere la storia
Martina Franca