×

Messaggio di avvertimento

The subscription service is currently unavailable. Please try again later.

Schede primarie

Focus

Cooking e gastronomia in Puglia
100% Puglia
Prodotti tipici pugliesi

Il biscotto di Ceglie
Un dolce tipico della festa

Maria Zaccaria 17/01/2015 Aggiungi al tuo diario 

GEOMETRIE DI SAPORE

Senz'altro una salita su uno dei due colli di Ceglie messapica su cui si erge il suo castello ducale è una esperienza imperdibile, ma altrettanto irrinunciabile è il gusto che qui dona la tradizione dolciaria con il tipico “biscotto cegliese”. Cosi tipico da assumerne l’aggettivazione. Singolare anche nella sua forma cubica e irregolare. Una vera delizia per chi ama le mandorle perché questa tipicità della festa si basa su tale frutto tostato, purché rigorosamente del posto (nella zona le varietà di mandorle sono tante, in particolare è scelta quella cegliese detta du riviézz). Per la sua preparazione vengono utilizzati anche miele, uova, buccia di limone e rosolio di agrumi. Eccellente poi la farcitura del biscotto, perché fatta con marmellata di ciliegie o di uva, come prevede il suo disciplinare che lo valorizza e lo tutela come ricchezza della cultura gastronomica pugliese.

DIFESO DA SLOW FOOD

Un tempo questi biscotti erano preparati nelle case, soprattutto in occasioni di feste famigliari o di matrimoni: non mancavano mai nelle "bomboniere". Oggi sono venduti nei forni, nei bar, nei panifici e nelle pasticcerie del posto dove i visitatori, che qui giungono appositamente, ne fanno provvista. Speciale il suo abbinamento a rosoli o altri liquori casalinghi. Le famiglie custodiscono e tramandano le dosi, insieme alla conoscenza dei tempi giusti di cottura di un dolce prelibato, vero simbolo del paese brindisino. Cosi importante da potersi fregiarsi anche dell’etichetta Presidio Slow food.

INSIEME IN UN CONSORZIO

Un successo extramoenia che si è concretizzato negli anni grazie pure al prezioso sostegno dei diversi produttori, trasformatori e dai soci fondatori del consorzio per la sua valorizzazione e la tutela. Tutti insieme, produttori di materie prime, artigiani, fornai, ristoratori, in questo modo intendono incentivarne la diffusione, ricomponendo un processo di filiera di alta qualità e genuinità.

 

© Riproduzione riservata


Il Museo Archeologico di Brindisi
Brindisi
I "tesori" di Egnazia
Fasano