Schede primarie

Focus

Artigianato Pugliese

I pumi di Puglia
Simbolo di vero artigianato e di buon auspicio

Valeria Rosato 05/06/2015 Aggiungi al tuo diario 

PEZZI DI ARTIGIANATO

Capasoni, pupe, vasi. Ma tra i tanti oggetti di uso quotidiano legati alla tradizione artigianale pugliese ce n'è uno proprio singolare per la sua bellezza e i significati in esso racchiusi. Se vieni in Puglia sono numerose le botteghe in cui troverai i pumi, “pezzi” di una identità tutta da scoprire. Sono tanti quelli che ne vorrebbero uno in regalo perché, secondo una credenza diffusa, questo simbolo propizierebbe il buon auspicio e scaccerebbe il male. Guardandolo da vicino ti ricorderà un germoglio nell’atto di fiorire. Solitamente termina a punta, mentre alla base è accarezzato da foglie di acanto.

SIMBOLO DI PROSPERITÀ

Il nome deriva da latino pomum, “frutto” e rimanda al culto della nota dea romana Pomona, protettrice dei frutti. Nelle varie sfumature linguistico dialettali e nella traduzione comune è il “bocciolo di fiore”, ma è anche volgarmente detto “pigna”. Non ti sarà difficile scorgerli vicino alle case tipiche dei centri storici o sui prospetti di palazzi nobiliari. Un tempo addirittura erano parte integrante dell’iconografia di stemmi araldici di casate pugliesi in vista. Si trovano vicino a queste  dimore tipiche in quanto si è sempre creduto che, avendo una forte valenza apotropaica, servisse ad allontanare e frustare cattive influenze malvagie provenienti dall'esterno.

FATTI A MANO

Tante le attenzioni che gli artigiani locali pongono quando realizzano questi pumi, che sono realizzati a mano ma con l'ausilio del tornio per evitare imperfezioni nelle foglie, che vengono create artigianalmente e poste in perfetto asse rispetto al "germoglio". Stesse meticolose attenzioni per la smaltature che devono essere prive di puntinature e colorature. La parte inferiore è forata per essere infilata sopra degli appositi fermi metallici, collocati agli angoli delle ringhiere dei balconi. Tra i tanti i colori che vengono scelti quello più diffuso è il giallo ocra, utilizzato per il bocciolo, mentre le foglie vengono solitamente dipinte con il color verde rame.  Ovviamente, nel tempo, i colori hanno assecondato il gusto del tempo, rendendo i pumi oggetti di pregiate collezioni e parti dell’arredo interno delle case non solo pugliesi ma di tutto il mondo.

 

© Riproduzione riservata


Il quartiere delle ceramiche
Grottaglie
Il Museo Archeologico di Taranto
Taranto